Gnocchi alla Romana, una gustosa pietanza

Nella vasta e deliziosa galassia della cucina italiana, le tradizioni regionali giocano un ruolo fondamentale nel plasmare le abitudini alimentari e nel definire la cultura gastronomica di un luogo. E tra le tante tradizioni, quella romana spicca per la sua ricchezza e varietà di piatti, ciascuno con la sua storia e il suo significato.

 

La tradizione romana

Nella città di Roma gli gnocchi hanno un posto speciale nel cuore e sulle tavole dei cittadini. Secondo un’antica usanza tramandata di generazione in generazione, il giovedì è il giorno a loro consacrato. Una scelta che, seppur apparentemente casuale, nasconde un’intelligente strategia gastronomica: posti nel mezzo della settimana, gli gnocchi rappresentano un pasto sostanzioso e confortante che prepara il palato per il digiuno del venerdì, tradizionalmente dedicato al pesce.

 

Gli gnocchi alla romana

Tra le tante varianti, i protagonisti assoluti della tradizione laziale sono gli gnocchi alla romana, un piatto semplice ma dal gusto straordinario. La ricetta classica prevede l’uso del semolino, un ingrediente che conferisce una consistenza morbida e cremosa alla pietanza, rendendola irresistibile per grandi e piccini. La preparazione richiede pazienza e maestria, ma il risultato finale ripaga ampiamente gli sforzi.

I segreti del Battistero di Santa Maria del Fiore

 I segreti del Battistero di Santa Maria del Fiore

La ricetta

Per preparare gli gnocchi alla romana, occorre seguire una serie di passaggi precisi e attenti, che garantiscono la perfetta riuscita di questo piatto tradizionale. Innanzitutto è necessario preparare una crema densa e vellutata con latte, burro, sale e noce moscata, a cui aggiungere il semolino poco alla volta, mescolando con cura per evitare la formazione di grumi. Una volta addensato, vengono aggiunti i tuorli d’uovo e il parmigiano grattugiato, fino a ottenere un composto omogeneo e cremoso.

L’impasto viene, quindi, steso e modellato in due cilindri uniformi, avvolti nella carta forno e lasciati raffreddare in frigorifero per almeno un’ora. Raffreddati e solidi, i cilindri vengono tagliati a dischi dello spessore di circa un centimetro e disposti su una teglia imburrata, successivamente sono cosparsi di burro fuso e pecorino romano grattugiato.

Infine, gli gnocchi vengono cotti in forno fino a doratura.

Condividi