La ribellione di Jack Cade

La Ribellione di Jack Cade: Una Rivolta Popolare nell’Inghilterra del XV secolo

Nel turbolento panorama politico dell’Inghilterra del XV secolo, segnato dalla guerra dei cent’anni e dalla instabilità interna, una ribellione popolare di proporzioni significative scuoteva le fondamenta del potere regio. La Ribellione di Jack Cade, un misterioso personaggio che si faceva chiamare John. O più comunemente Jack, Cade, rimane uno degli eventi più memorabili della storia inglese medievale. Essa ebbe un impatto duraturo sulla società e sulla politica dell’epoca. Si dice che Cade avesse origini irlandesi, anche se non è ben nota la località di nascita.

Jack Cade
L’inizio della rivvolta

La ribellione ebbe inizio nel 1450, durante il regno di Enrico VI d’Inghilterra. Un periodo caratterizzato da una profonda crisi politica e sociale. Jack Cade, presumibilmente un discendente della famiglia aristocratica dei Mortimer, si presentò come un capo carismatico e assertivo. Egli fu in grado di canalizzare il malcontento diffuso tra la popolazione inglese, soprattutto nei confronti del governo corrotto e inefficace.

Uno dei principali fattori che alimentarono la ribellione fu il crescente disagio economico e sociale delle classi più basse. Povertà aggravata dalla tassazione oppressiva e dalla mancanza di protezione legale per i contadini e i lavoratori. Ben ventimila rivoltosi, la maggior parte contadini, si riversarono inizialmente a Blackheath, ora Lewisham (sobborgo londinese). Ai contadini si aggiunsero altri ventimila, tra cittadini e soldati o marinai di ritorno dalla Francia.

Battaglie e saccheggi

Jack marciò con i suoi fin dentro Londra, con l’intento di rovesciare il governo e riparare alle ingiustizie sociali. La ribellione di Cade raggiunse il suo culmine quando le sue truppe presero il controllo della capitale inglese nel giugno del 1450. Durante questo periodo, vennero emanate le “Leggi di Cade”. Si trattava di una serie di riforme radicali volte a ristabilire la giustizia sociale e a ridurre il potere delle élite aristocratiche. Tuttavia, la rivolta fu di breve durata, poiché le divisioni interne tra i ribelli e la mancanza di un sostegno consolidato da parte della nobiltà portarono alla disfatta di Cade e dei suoi seguaci. Inoltre nonostante le promesse, Cade non riuscì a evitare i saccheggi e le esecuzioni sommarie di nobili. Tra i decapitati, il Lord Tesoriere, la carica più alta dopo il re. Il Enrico VI aveva invece trovato rifugio nella contea di Shire.

Le esecuzioni
La fine di Cade

Durante la battaglia di London Bridge, i ribelli subirono ingenti perdite e Cade fu convinto dall’arcivescovo John Kemp, Lord Cancelliere, a sedare la rivolta in cambio del perdono e la promessa di accontentare le richieste dei ribelli. i contadini si dispersero, ma la settimana successiva Cade venne condannato come traditore e venne posta una taglia sulla sua testa. Catturato e ucciso, il corpo di Jack Cade venne trasportato a Londra e squartato per essere esposto come monito in diverse città. La sua testa, assieme a quelle degli altri capi della rivolta, venne esposta sul London Bridge. Dopo la sua morte i ribelli vennero perdonati, tranne 34 che furono giustiziati.

Le riforme

Nonostante la rapida fine della ribellione, le sue conseguenze furono significative. La brutalità con cui il governo repressero la rivolta lasciò un’impronta indelebile nella memoria collettiva dell’Inghilterra. Per decenni fu alimentato il risentimento e la sfiducia verso le istituzioni esistenti. Inoltre, la ribellione di Cade contribuì a evidenziare le profonde disuguaglianze sociali e politiche dell’epoca, spingendo la classe dirigente a intraprendere una serie di riforme per rafforzare la stabilità del regno e ridurre le tensioni sociali.

SE AMI MEDIOEVO E RINASCIMENTO LEGGI ANCHE:

LEONARDO DA VINCI, TRA GENIO E FOLLIA

In conclusione, la Ribellione di Jack Cade rimane un capitolo significativo nella storia dell’Inghilterra medievale, simboleggiando la lotta per la giustizia sociale e il diritto del popolo a opporsi alle ingiustizie perpetrate dalle élite dominanti. Sebbene la ribellione possa essere stata soppressa, il suo impatto duraturo sulla società inglese testimonia il potere del movimento popolare nel plasmare il corso della storia.

Condividi